La mente è come un paracadute. Funziona solo se si apre.
- Einstein
La crisi delle dimensioni fisiche, come crisi della misurazione, va di pari passo, come è facile comprendere, con la crisi del determinismo e riguarda, oggi, l’insieme delle rappresentazioni del mondo
- Paul Virilio
“...une même ville regardée de différents côtés paraît tout autre, et est comme multipliée perspectivement”
- G. W. Leibniz

La mente è come un paracadute. Funziona solo se si apre.

- Einstein

La mente è come un paracadute. Funziona solo se si apre.

- Einstein

P. GREGORY _ ABSTRACT _ WMCAUS 2018 (World Multidisciplinary Civil Engineering - Architecture - Urban Planning Symposium)

 

AFFECTIVE SPACES IN URBAN TRANSFORMATION’S CONTEXTS

The paper intends to address the topic of urban transformation within the framework of the concept of "affective space". The central research question will be: what is the influence of the affective sphere on changes that take place in the city and vice versa how much does the changes affect the emotional sphere? By placing subjects at the center of the research, the paper intends to study the relationship between individuals  - as well as groups and communities - and urban spaces they inhabit.  This can be done by guaranteeing centrality to the pre-reflective emotional impact that spatial situations  produce on subjects, where for "spatial situation" it is intended  the inclusive description of a specific condition, including both the material articulation of space and its intangible qualities that influence the subject's emotional sphere.

Several authors in different fields of environmental psychology, human geography, philosophy etc.  have produced a new paradigm for the understanding of the subject's experience of the space, in which a wide sphere of emotional resonance, lived by the embodied subject, becomes important.  Nevertheless, in our specific field of architecture, the affective dimension of urban space is still underexplored, while it can provide an alternative way of addressing the human and social component of urban transformation processes. Concepts such as "atmosphere" and "empathy" become central in our way of experiencing space, alongside with "memory"  that has been one of the carrying concepts of late 20th century urban theory, from Aldo Rossi's classical book L'architettura della città (1966) onwards. However, the discussion has mainly concerned the historicized acceptations of memory, while less attention has been paid to the temporal extension of feeling. This is another field of research that would highlight the idea that the spatial externalization of emotions - as sustained by contemporary phenomenology - can be embedded into physical space. Thus it is possible to study the changing urban spaces at the present and in a historical perspective: residents who have witnessed the urban transformation and recent inhabitants who may witness the presence of historicized feelings through their traces.  

Focusing on selected cases studies in the perspective of affective space theory, the paper intends to develop in a double direction: "top down", from theory to the real changes in urban life, and "bottom up", from the architectural re-design of specific sites back to the paradigm of theoretical approach. To achieve this goal, the paper analyzes some of the de-industrialized areas in the city of Turin, Italy, in its dramatic transition from a fordist city to a post-fordist city.  In some cases these areas have been already regenerated with the developing of new urban spaces and landscapes; in others, the areas are undergoingrevitalization or are awaiting urban transformations. It is above all in these last cases that the consideration of emotional sphere becomes important, as a  tool for prefiguring space and future use: not only entrusted to the functionality of "effective" space, but also to atmosphere, empathy, memory of "affective" space.

Convegno "Invito alla Storia", AIPH (Associazione Italiana di Public History), Santa Maria Capua Veter-Caserta 24-28 Giugno 2019

Nell'ambito del progetto "Qui Abito. Scuola e Public History. Un progetto per la rigenerazione della periferia urbana a Torino", coordinamento generale di "Cliomedia. Public History", l'intervento presentato riassume le tappe di un percorso che ha visto intrecciarsi attività didattica e ricerca, mostre e dibattiti pubblici sul quartiere Le Vallette a Torino, con l’obiettivo - sin da subito condiviso - di misurarsi con le questioni emergenti e con i processi in corso, confrontandosi con le realtà associative, culturali e amministrative presenti sul territorio, per tentare di innescare dinamiche di trasformazione in grado di arginare e contrastare situazioni di degrado e di marginalità.

In particolare, l'intervento si è concentrato sul laboratorio sperimentale attivato nei mesi aprile-maggio all'interno della scuola Turoldo alle Vallette, intitolato Nella città futura. Per immaginare nuove centralità urbane. Gli studenti della scuola (media inferiore) sono stati guidati a ri-conoscere la realtà entro la quale quotidianamente vivono, a partire da diverse chiavi d’ingresso – e fra queste anche quella relativa all’architettura - per riuscire a “vestire i panni dell’architetto”, diventando artefici di una proposta di trasformazione e miglioramento dell’area centrale del quartiere.

Incentrandosi sull'idea che il "GIOCO"  possa divenire elemento generatore per una riappropriazione dello spazio pubblico inteso come "bene comune", il laboratorio ha strutturato nell'area centrale delle Vallette - oggi priva di qualsiasi attrattiva di uso e condivisione sociale -  un grande gioco dell'oca, con punti di sosta segnati da altrettanti giochi diversi e/o aree libere per usi condivisi.

Il laboratorio è stato condotto da Giorgia Greco e Erika Gibboni con il coordinamento di P. Gregory e M.L. Barelli.

 

 

 

Nell'ambito del Convegno EURAU (European Research in Architecture and Urbanism), sul tema RETROACTIVE RESEARCH: Architecture’s capacity to challenge and extend the limits of other disciplines, topic "Critical pedagogies",  l'intervento ha inteso sottolineare l'importanza fondamentale dello spazio affettivo nel processo/progetto di architettura.

Starting from new strains of phenomenology and from recent theories in neuroscience, the paper aims to address the topic of “impurity” of architecture grounded in human “affective space” that modify the way the world is for us. Specially in the case of urban transformations and mainly in regeneration programs, where it is increasingly manifest a wider requirement and instance for participation by the inhabitants, people’s feelings and emotions become something that needs to be taken into account in practicing architecture and planning. Concepts such as "atmosphere" and "empathy" become central in our way of experiencing space: along with other concepts such as memory, identity/identification, they redefine the balance between reflective and pre-reflective domains. This raises questions about how to teach and learn the impurity of architecture, which claims the development  of critical devices for analysis and design.

Key words: Impurity, affective space, atmosphere, empathy, critical devices

L'intervento presentato al 6° International Multidisciplinary Scientific Conference on Social Sciences & Arts, SGEM 2019, Vienna 11-14 April, Sessione tematica su "Architecture and Design", si è focalizzato sull'importanza dei contenuti sociali nel processo progettuale.

Starting from the words of Ludovico Quaroni (as architect and educator), the paper aims to highlight the importance of social content for the purpose of good planning and architecture. With reference to the Vitruvian triad - utilitas, firmitas, venustas – Quaroni insists on the necessary integration of the three components, clearly stressing how, in the education process, it is fundamental to start from the social question - what he defines as "content" or "structure of the contents" of the design – and not from abstract reasons that ignore the real conditioning to which an architectural work must respond.

We share the statement of Quaroni: specially today in which the design process increasingly emergs from below, the content-social question appears fundamental, in the participation and (sometimes) co-creating of the communities involved.

Keywords:social content, community, commons, convivium, design education


Temi del convegno

Partendo dal dibattito suscitato da alcune recenti iniziative promosse da Atenei italiani (Politecnico di Torino, Politecnico di Milano, Università degli Studi Federico II di Napoli) sul rapporto fra "Architettura e Realismo", orientate nel senso di una riposta condivisione delle tesi portate avanti  M. Ferraris con il suo Manifesto del nuovo realismo (2012), il convegno romano intende proporre come nucleo centrale del dibattito il confronto e il rapporto imprescindibile fra "nuovo realismo" e "postmodernismo", dove quest'ultimo, lungi dall'identificarsi con la definizione disciplinare corrente di “architettura postmoderna”, intende piuttosto evidenziare l'esplosione di quella vasta rivoluzione culturale che ha caratterizzato il tentativo - da parte della cultura occidentale - di prendere coscienza dei mutati presupposti materiali-tecnologici-economici e di far a essi corrispondere una diversa etica ed estetica, basata innanzitutto - nella crisi dei “grandi racconti” fondanti (F. L. Lyotard) - su un'accresciuta consapevolezza della relativizzazione e pluralizzazione culturale.

Ripercorrendo alcune tesi di Ferraris, esposte nel suo Manifesto e prima ancora in testi quali Documentalità. Perché è necessario lasciar tracce (2009), il ritorno al realismo sarebbe conseguenza della pesante smentita dei due "dogmi" principali del postmodernismo: l'idea che la realtà sia socialmente costruita e infinitamente manipolabile e che la verità e l'oggettività siano nozioni inutili. "L'esperienza storica dei populismi mediatici, delle guerre post 11 settembre e della recente crisi economica" sono per Ferraris l'esito di una drammatica realizzazione dell'utopia postmoderna che, basata in origine su principi quali liberazione, affrancamento, indipendenza, libertà, si manifesta oggi "come un utopismo violento e rovesciato", come "uno strumento di asservimento" o ancora come "un progetto di dominio o mistificazione". "Il postmodernismo si ritrae filosoficamente e ideologicamente, non perché abbia mancato i suoi obiettivi ma, proprio al contrario, perché li ha centrati sin troppo bene" (2012): infatti, ponendo alla propria base "il primato delle interpretazioni sui fatti", ha costituito, anche se involontariamente, un fondamentale fiancheggiamento ideologico degli sviluppi che hanno condotto alla situazione attuale.

Oggi le necessità reali che - scrive Ferraris - "non sopportano di essere ridotte a interpretazioni, hanno fatto valere i loro diritti, confermando l'idea che il realismo (così come il suo contrario) possieda delle implicazioni non semplicemente conoscitive, ma etiche e politiche" (2012).

Il Manifesto e le tesi di Ferraris intendono, dunque, rimettere al centro della riflessione filosofica, e non solo, la questione del rapporto con la realtà, la sua "inemendabiltà", la sua indipendenza rispetto alle infinite possibili interpretazioni, traduzioni e tradimenti. Ed è proprio questa ricerca e richiesta di realtà ad aver interessato gran parte della cultura architettonica attuale, che fra tutte le arti è certamente "la più duratura delle scritture".

L'architettura infatti, come scrive Ferraris in Documentalità, produce documenti, peraltro durevoli (se non perenni) e questa caratteristica la pone come un luogo di indubbia resistenza: lascia tracce e conserva tracce, divenendo "supporto per l'eternizzazione di un oggetto sociale", dove questo - al contrario di un "oggetto naturale" - sussiste "solo nella misura in cui le persone sanno che esiste". Fra le possibili modalità di registrazione degli oggetti sociali, l'architettura è dunque  particolarmente importante perché produce oggetti concreti, tracce immanenti che sono iscrizioni durevoli, capaci di sopravvivere molto più a lungo di altri documenti (o scritture) prodotti dall'uomo.

La questione della durata pone come suo corollario quello della responsabilità dell'architettura e degli architetti, interpreti di una collettività che deve rappresentarsi. In questa ottica parole chiavi dell'architettura diventano: ragione/razionalità/ragionevolezza, soggettivo/collettivo, trasmissibilità, appropriatezza e indirizzano verso una teoria della normalità contro l'eccezionalità, ovvero contro quella ricerca di "straordinario" con cui spesso si è identificata - e si è voluta identificare - ampia parte della produzione più recente.

Si tratta di una questione a lungo dibattuta, che vede contrapposti fra loro schieramenti diversi: da una parte chi, come Vittorio Gregotti, ha sempre accusato il postmodernismo di "progressiva disgregazione degli impegni critici della cultura di fronte allo stato delle cose”, disgregazione che apparterebbe a quella “funesta, anche se storicamente propria” “categoria del postmoderno” in cui “è solo ammesso […] l'orgoglio della dissoluzione” (2008); dall'altra chi, come Charles Jencks (per restare nell'ambito di una elevata produzione della critica e teoria architettonica internazionale), pur assumendo posizioni nel tempo diverse, ha continuato a difendere la pluralità delle visioni, lo scarto prodotto nell'architettura dalle nuove "indeterminatezze" filosofiche e scientifiche, affermando come il postmodernismo (1977), il "critical modernism" (2007) e il "Radcal post-modernism" (2011) abbiano in realtà liberato l'architettura dai condizionamenti ortodossi del modernismo, favorendo correlazioni polimorfe, capaci di sostenere accanto all'eterogeneità, alla discontinuità e alla differenza nella cultura e nella storia, anche valori innovativi, improntati a un nuovo rapporto del soggetto (non più inteso come modello normativo) con i mondo.

Del resto l'idea che il nostro orizzonte di senso non sia più sostenuto da metateorie, se da un lato ha aperto alla frammentazione, dissociazione, ibridazione e interpretazione continua dei fatti, dall'altro ha prodotto anche l'emersione di valori diversi, spesso distanti o allontanati dalla cosiddetta cultura alta, quali la plurivocità, il diverso, il difforme: valori che inducono a riconoscere quale essenza del Wesen del postmodernismo (nell'arte e nell'architettura) il senso di "spaesamento" dell'esperienza estetica che, come scriveva Gianni Vattimo, "è costitutivo e non provvisorio” dell'opera d'arte, non più centrata sull'opera (oggetto) ma sull'esperienza.

E' dunque in questo rinnovato rapporto (spesso spaesante) soggetto/oggetto in cui il soggetto è innanzitutto il fruitore dell'opera, che il postmodernismo ha prodotto quello "alleggerimento dell'essere" che, spostando l'interesse dalla struttura dell'oggetto al suo carattere evenemenziale, interrelazionale, metamorfico, ha finito per opporsi alla stabilità strutturale del dato, affermando e dispiegando una pratica della differenza, dell'alterità, del continuo divenire.

Se questo è, potremmo dire, lo stato delle cose, alcune questioni appaiono nell'architettura immediate e in attesa di nuovi approfondimenti. In particolare, la questione nell'architettura riguarda proprio il rapporto del progetto con la realtà: questa, definita dal nuovo realismo come un dato inemendabile, ponendo la questione dell'oggetto e della sua oggettività, sembra orientarsi verso un'idea di "intrasformabilità" del mondo che pone l'io - e in particolare il lavoro dell'architetto - in una rassegnata accettazione dell'esistente.

Come corollario, il progetto viene portato a esibire (secondo un principio di liberazione dal superfluo e di limitazione a un nucleo centrale di problemi) il processo logico (o analogico), piuttosto che le sue qualità formali di oggetto estetico, esaltando i contenuti comuni, condivisibili perché già accertati, e l'aspirazione a una poetica che vorrebbe essere quella della "pura ragione".
Da ciò è discesa nel passato e discende oggi, in alcune interpretazioni italiane del realismo, una tendenziosa equivalenza fra nuovo realismo e razionalismo e in particolare, nell'ambito architettonico, fra nuovo realismo e neo-razionalismo, secondo la declinazione della tradizione disciplinare degli anni Sessanta-Settanta del secolo scorso. Tuttavia quanto i due concetti realismo e (neo)razionalismo siano assimilabili e se quest'ultimo nella sua astrazione possa fungere da metodo per un’architettura realistica, e perciò "concreta", è una questione dibattuta con esiti molto controversi. Potremmo ricordare, a questo proposito, quanto nell'immediato secondo dopoguerra il "neo-realismo" abbia portato di fatto verso una posizione contraria e antitetica: non solo verso un localismo o regionalismo del linguaggio architettonico - opposto all'idea di uniformarzione-omologazione-standardizzazione propria del razionalismo - ma anche verso una rappresentazione del dramma vissuto, da cui l'architettura avrebbe dovuto ripartire.

Oggi declinazioni diverse del realismo e di postmodernismo si confrontano e si oppongono fra loro. Saranno queste a essere dibattute durante il convegno, il cui confronto con la filosofia non attende risposte certe, piuttosto la capacità di riuscire anche a "contraddirsi senza annullarsi".

Paola Gregory

 

Video registrazione del convegno

Allegati:
FileDescrizione
Scarica questo file (locandina programma.pdf)Programma Convegno 
FaLang translation system by Faboba